Login Registrati

Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricorda

Registra un nuovo account

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Nome utente *
Password *
Ripeti password *
Email *
Ripeti email *

Menu Principale

News dal forum

  • Nessun messaggio da mostrare.

Notturno 29 marzo con Luciano, Giorgio ed Anna

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

 

embed video powered by Union Development

Una radio libera e liberata da tutti coloro che la vogliono … bruciata!

Siamo venuti a conoscenza tramite una trasmissione di Luca degli Irriducibili, verificata poi visitando il sito “Augusto per la vita”, che Radio Gamma 5 e l’associazione Salute e Ambiente, hanno organizzato per sabato 17 maggio c/o l’Auditorium di Carmignano di Brenta, una serata di presentazione del libro “Le tue parole al vento” il cui ricavato andrà appunto a favore della fondazione “Augusto per la Vita” che lo devolverà alla Fondazione per la ricerca oncologica Umberto Veronesi o, peggio ancora, il comprensorio della Città della Speranza, da sempre dedita alla ricerca, uso e sperimentazione di chemioterapici.

Tenuto conto di quanto il fondatore di questa emittente, Franco Carraro, si sia speso negli ultimi anni della sua vita a contro informare sugli effetti deleteri della chemio e di quanto lui fosse contrario e assolutamente in antitesi alle idee e ai comportamenti del professor Veronesi, questa iniziativa di Luca degli Irriducibili ci lascia dapprima stupiti e meravigliati e in seguito indignati e disgustati.
Che tale iniziativa, a nostro avviso doppiamente ignobile in quanto infanga non solo la memoria di Franco Carraro, facendo spregio delle sue idee e ridicolizzando nel contempo una linea da sempre tenuta da questa emittente, venga realizzata e propagandata da quel Luca e dal suo gruppo che da sempre si sono ammantati del diritto di essere gli unici depositari del percorso e della memoria del signor Franco Carraro, è ancora più sconcertante.

Io ci ho messo la faccia, io ci ho messo la firma!

Gentilissima Adriana,
non avendo altri mezzi per raggiungere gli internauti di GAMMA 5 LIBERA, mi rivolgo a te con la speranza che questi miei pensieri possano arrivare là dove dovrebbero…
Ti ringrazio anticipatamente, Giovanni Volpato detto Franco.

 

Io ci ho messo la faccia, io ci ho messo la firma!
Mi rivolgo a Voi, popolo di internauti che immagino TUTTI interessati alle vicende che riguardano GAMMA 5.

Lo faccio per la prima e ULTIMA volta non avendo altro mezzo per dire la mia sugli eventi che ci riguardano e non potendo d’altronde avere un microfono dal quale, a suo tempo, mi allontanai non potendo più esprimere LIBERAMENTE il mio pensiero.

Sulla radio ho già detto a suo tempo e non mi dilungherò, fanno testo le lettere già pubblicate. Sarò sincero come SEMPRE sono stato nelle mie esternazioni, spero mi scuserete per la franchezza se qualcuno di Voi non si troverà in sintonia… ma è il bello della democrazia!

Lettera di Franco Volpato a Sandro Bianda

S. Giorgio delle Pertiche  29-1-2014

Signor Bianda,
ho ascoltato stamane la sua “cosiddetta” rassegna stampa. Mi permetta il “cosiddetta” ma mi è parsa tutto fuorché tale! Avrei voluto telefonarle ma il tempo e i toni non sarebbero stati appropriati, perciò eccomi qui con carta e penna per esprimerle quello che penso del “suo” programma e di conseguenza un modesto parere sulla sua conduzione.

Non so se lei sia mai stato giornalista, certo che oggi, a mio modesto avviso, non lo è più! Mi creda, con tutto il rispetto che Le devo come persona dico però al “giornalista”: basta signor Bianda, basta con il suo urologo, basta con i suoi trascorsi, basta con i suoi CD, il suo abbonamento a SKY TV tutto il pacchetto, basta col calarci sul capo la sua ACCADEMIA DELLA CRUSCA, basta col suo “io non sono ITALIANO”, lei non mangia, non legge, non ascolta, non guarda la spazzatura che guardano tutti gli altri! Lei, ricordi sempre, davanti al microfono fa un servizio pubblico, invece ci inonda di amenità sulla sua vita privata! Al pubblico non interessa, non crede? Faccia il giornalista, suvvia!

Lettera di Franco Volpato al Presidente

S. Giorgio delle Pertiche  27-1-2014

Presidente,
oggi 27, giorno della memoria, mi aspettavo che nella programmazione della radio ci fosse stato uno spazio riservato a questa immane tragedia, nessun accenno! Vergogna! Chi non ha memoria del proprio passato non può avere alcuna speranza di un futuro migliore. Franco si starà rigirando nella tomba, quel Franco che Lei nomina tanto, ma di cui ha tradito palesemente lo spirito. Levi la mano da quella bara, scenda coi piedi per terra e guardi con un po’ di umiltà la situazione della radio com’è ora!