Login Registrati

Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricorda

Registra un nuovo account

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Nome utente *
Password *
Ripeti password *
Email *
Ripeti email *

Menu Principale

News dal forum

  • Nessun messaggio da mostrare.

Sbagliare è umano, perseverare … è arimanico

(informazioni dal Comitato)

Perché, ci viene spesso chiesto, avete da ridire sull'operato di Radio Gamma 5? Se non vi piace potete semplicemente non ascoltarla, cosa vi da il diritto di critica nei loro confronti?

A queste persone rispondiamo che semplicemente o non conoscono la storia della radio e fanno riferimento a quella attuale senza attinenza, oppure la conoscono ed hanno i loro propri interessi personali e non sociali, anche se ci sono delle eccezioni come sempre in una, che non è più comunità come in questo caso, ma una dittatura subdola mascherata, ma d'obbligo dirlo, neanche troppo. Su questi argomenti è stato detto di tutto, il tutto che andava detto per onor del vero e sempre supportato dai fatti. Ora, dopo tutti questi anni, sembra inutile continuare nel ripetersi con gli stessi argomenti.

"LA TRAMA SI DIPANA". Riflessioni di un attivista del Comitato G5L

 
Rosicchia rosicchia il topolino è diventato un topone e il formaggio un formaggino.
I topolini, si sa, proliferano in assenza del gatto e se indisturbati divorano... qualsiasi cosa, occupando tutti gli spazi, diventando sempre più numerosi, ingordi e strafottenti. Un gatto c'è che un po' li tiene a bada, ma l'incoscienza dei sorcini loro fans, senza saperlo di esserlo, da a loro quella
apparente copertura e per ora immunità fino a quando non saranno più funzionali ai loro scopi per poi essere divorati a loro volta.
 
Radio Gamma 5 è diventata nelle loro mani quel formaggino che è ora, utile solo come cassa di risonanza per i loro scopi e richiamo per rinforzare le loro fila in attesa di liberarsi degli involuti che ancora gravitano in radio illusi di esserne parte.
Il puzzle che il comitato g5l ha da molto tempo delineato si fa sempre più evidente e ovvio anche agl'occhi dei fedelissimi dotati di paraocchi che, fin quando che saranno ancora all'interno della radio, hanno una qualche possibilità di porre rimedio allo scempio di trasformazione in atto da diversi anni dalle forze Steineriane che celatamente, ma neanche troppo, stan portando avanti il loro scopo prefisso.
 
Per chi volesse capirne di più, se non gli è sufficiente già quello che è evidente, può andarsi a vedere che cosa è la loro scuola di naturopatia Hermes, il loro giardino dell'anima di Este per rendersi conto di come tutto sia impostato sull'antroposofia e su Rudolf Steiner.
I docenti di questa scuola possono dare una qualche indicazione dell'uso di un passato recente e di un futuro prossimo della radio.
Elenco: Renzo Rossin presidente, Rolando Simone, Paolo Girotto, Luisella morelli, Roberto Pircali, Chiara Mattea, Marcello Pamio, Alessio Rossin, Gennaro Muscari, Tomaioli, Maddalena Lena Peccarisio, Giovanni Peccarisio, Giovanni Cortelli, Paolo Rossaro anche lui entrato in radio a trasmettere e non so se altri, ma forse si.
 
Vi dice niente tutto questo? Non siete ancora convinti che Radio Gamma Cinque si sia trasformata in radio Steiner, radio antroposofica?
Un vostro sincero e ponderato giudizio cari amici sarebbe benvenuto quanto necessario, perché con la carne da canon, per quanti scazzi si possano aver avuti ci si capisce, poi sulle cose che contano, e riportare la radio libera da questi personaggi è una cosa che conta, sicuramente ci trova tutti d'accordo.

Appello telefonico di Franco VOLPATO nel notturno di Paolo l'africano

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

embed video powered by Union Development

"Ragazzi, bisogna che troviamo un'altra strada! E lì mi hanno buttato fuori"

I "DEMOCRATICI" METODI STEINERIANI ... DALLA RADIO ALLA COLTURA BIODINAMICA".
ASCOLTATE I PRIMI 5 MINUTI (per capirlo)

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

embed video powered by Union Development

Viaggio all’Interno della storia di una radio popolare (Parte seconda)

  Viaggio all’Interno della storia di una radio popolare

Documento a cura del Comitato per la Trasparenza e la Legalità in

Radio Gamma 5

(Parte seconda)

 

              Non molti sanno che la radio ha iniziato le prime trasmissioni nel febbraio del  1976  in modo rudimentale, l'antenna su un albero e un'auto in giro per la provincia a testare la potenza di emissione dei  94,00 mhz di frequenza, come spesso ha ricordato in diretta radio uno dei fondatori, Franco Carraro, di una delle prime emittenti libere nella provincia di Padova, ad effetto della liberalizzazione delle frequenze .

               E descrisse anche l'entusiasmo, le speranze e i sogni dei cinque sessantottini che realizzarono questo strumento di diffusione di idee e musica alternativa per l'epoca ricevendo immediatamente il sostegno e l'aiuto concreto dei vicini di quartiere che  si trasformarono in breve tempo in operatori audio e video, speakers e collaboratori attenti alla struttura.          

           Dalla fase pionieristica iniziale si arrivò ben presto al consolidamento di fatto della sede operativa : agli atti del Tribunale di Padova esiste, infatti, la copia depositata dal notaio Cassano il 27.12.78, in cui veniva regolarizzata la società di fatto esistente fra Francesco Carraro, detto Franco e Mario Pegoraro, commerciante, entrambi di Cadoneghe, i quali avevano costituito legalmente la società in nome collettivo denominata  “Radio Tele Gamma 5 “, di cui erano soci al 50%,  davanti al notaio Cassano di Padova, il giorno tredici dicembre del 1978.